giovedì 15 gennaio 2009

Veramente mente mantecata

Finalmente mi sono capita (o perlomeno parzialmente capita) tuttavia devo ancora comprendere se essere felice di questa consapevolezza o crogiolarmi nella disperazione più totale. In sostanza ho capito alcune caratteristiche intrinseche del mio carattere, di quelle che ci nasci, ci cresci e forse ci muori anche. Ho capito di aver sbagliato tutto proprio perché in passato non mi conoscevo affatto, pensavo di essere tutt’altra persona, una ragazza toooootalmente diversa da quella che sono in realtà, quasi mi consideravo una ragazza di colore.. tipo (che poi io odio dire “tipo…”, eppure a volte lo dico). Se avessi considerato prima queste mie peculiarità sicuramente avrei percorso un’altra strada, certo, avrei sbagliato ancora, ma almeno non soffrirei di dispnea ansiosa, questa fame d’aria sarebbe sicuramente mutata in fame diiii … bè, non lo so, di qualcos’altro.
Ho quindi scoperto di avere un carattere di merda, ma cercherò di migliorare (sorrido e non capisco il perché). Ho capito di essere scostante in tutto, ma quando dico tutto è veramente tutto, perciò dovrò limitarmi a intraprendere progetti di breve durata, penso che sia un grave difetto perché questa mia volubilità riesce a far soffrire e deludere chiunque pretenda da me la stabilità, di conseguenza ci soffro anch’io e ci soffro veramente.
Ho capito di essere inaffidabile, dimentico sempre gli appuntamenti e perdo ogni cosa: le chiavi della macchina, il portafoglio, la sim … anzi no, non è esattamente vero, ossia ho avvertito mezzo mondo (tramite facebook) di aver perso tutti i numeri di cellulare, ma in verità volevo estraniarmi dal mondo intero evitando gli auguri di natale e i probabili inviti per un aperitivo, quindi in sostanza ho capito di essere una stronza bugiarda… ma ora che ci penso bene non si è rivelata totalmente una bugia, perché la sim poi l’ho persa veramente.

Ho capito di essere egoista, penso prima a me, poi a te e molto spesso me ne frego totalmente di te, quindi risulto una stronza bastarda e un po’ mi dispiace per te. Ho capito di essere tendenzialmente pigra, fatico a intraprendere qualsiasi tipo di attività, è l’inizio che mi svampisce e questa particolarità mi sfianca al quanto, per il dopo nessun problema do il massimo finché non decade il mio entusiasmo (e riecco l’incostanza). Adoro la solitudine e non ho ancora capito il perché, ma quando sto da sola mi sento bene, quando sto in compagnia molto spesso mi sento soffocare. Stando il più possibile da sola ho sviluppato in maniera sorprendente la mia immaginazione, sogno sempre, anche di giorno, ed è scontato dire che preferisco vivere nel mio mondo irreale anziché in quello reale, ho sempre quindi la testa tra le nuvole (ecco perché sono inaffidabile!). Non ho fiducia in nessuno e quando dico nessuno è veramente nessuno. Ho sempre l’impressione che tu mi voglia inculare, certo, la cosa può piacermi, ma solo in senso figurato (A volte so essere scandalosa). Forse è proprio questo il motivo per cui prediligo la solitudine, ho come l’impressione di essere sempre raggirata, a mio parere, in ogni cosa e persona c’è sempre la fregatura di mezzo, sempre, sempre, sempre e sempre, ma siccome non credo nell’infinito sogno il perfetto contrario. Sinceramente non so perché stia scrivendo tutto questo, anche perché mi sto fottendo con le mie stesse mani, ma vaffanculo lo faccio lo stesso (a volte so essere anche scurrile) . Ho capito di essere molto istintiva, molte scelte importanti della mia vita sono state fatte senza un lungo ragionamento logico e spesso erano le più azzeccate (almeno fino a quando non ho scoperto di aver sbagliato tutto), ma dovrei lasciarmi andare ancora di più, soprattutto in particolari imprese, ma, o per codardia o per pigrizia, non faccio un bel niente, rimango ferma a sognare (e questo lo trovo piuttosto deprimente). Dicono che faccia bene scrivere d’impulso i propri pensieri e le proprie emozioni, bè,
--> non questa volta, perché ora mi sento veramente una merda. Ok basta, era solo per dire che oggi mi conosco più di ieri, devo ammettere però che mi piaccio lo stesso (e non penso proprio di essere vanitosa), non mi sostituirei con nessuna, né fisicamente né caratterialmente (anche se ho un’infinità di difetti) e ancora non ho capito veramente il perché.

∞ S.J.∞

16 commenti:

LaLu ha detto...

mamma mia...leggendo questo post mi hai fatto venire una stretta allo stomaco, certe caratteristiche di cui parli le rivedo molto anche in me...e mi fanno riflettere...
buona giornata...

Anonimo ha detto...

il perché tu non voglia, di fatto, sostituirti, forse, è dovuto al fatto che in fondo in fondo non hai sbagliato così tanto. non tutto dai. non credi?

lo dicono anche i calafuria, che le decisioni nella vita vannopresedigetto (si, tutto attaccato così), che poi se ci pensi non è così sbagliato nemmeno questo.

mi è venuto da ridere a pensare alla fame d'aria e all'altra fame, che nel mio caso è tipo (d'oh l'ho detto di nuovo) fame di impegno. fame di vita alla fine.
fame di dovermi tenere impegnato.
per non pensare a tutto il resto che mi sta portando giu.
non pensare di limitarti così a cose di breve durata, perché precludi te stessa, e mi sembri una persona parecchio figa, giuro, ma il perdere l'entusiasmo o il far fatica ad accumularlo è comune anche e me. prendi le cose come arrivano.
ed ogni tanto ci penso.
ma cazzo, di fatto io seguo il mio ritmo, e il mio ritmo lo decido io.
quindi mi preoccupo relativamente del tempo che ci metto o di come eventualmente smetto, se smetto.
alla fine incostanza può voler dire varietà. originalità, non seguire la stessa via sempre.
e farlo, non può che rendere questo cazzo di mondo un poco meno noioso.

buongiorno
steliquido

Squilibrato ha detto...

Ci sono caratteristiche in ognuno di noi per le quali essere felici, altre disperano.

Si cresce sempre, non si smette mai di crescere. E' sempre un "cosa vorrei fare da grande".

Sbagli e sempre e solo sbagli. Si fanno, ne facciamo tanti, troppi. A volte anche a discapito di persone che non meriterebbero i nostri vomiti.

Chi non è egoista? Chi afferma di non esserlo si trasforma in arrogante.
Chi non è incostante e pigro?

Un'infinità di difetti rende l'uomo perfetto per ciò che deve svolgere su questa pineta Terra: essere un uomo.

Maraptica ha detto...

Insomma sei la classica persona con cui mi scannerei e accapiglerei... Bene. In fondo, basta saperlo: l'autocritica è il primo traguardo.
p.s.Secondo me sei molto meglio...

xtravaned ha detto...

C'è un rimedio a tutto cio'.. Dovresti innamorarti, magari per te potrebbe sembrare un impresa impossibile ma non lo è! (suppongo che tu non sia innamorata e se lo fossi non avrei capito un beneamato cazzo) Per la storia della sim, bisogna stare attenti a come si parla perché ciò' che dici potrebbe trasformarsi nella tua profezia! (non ricordo dove l'ho letto ma ti posso assicurare, per esperienza personale, che è assolutamente vero)

SerialLicker ha detto...

che dirti? un po' egoisti lo siamo tutti, è molto umano. E con mille sfaccettature lo siamo, di nuovo, tutti. Anche quelli tetragoni e compatti che non lo ammetterebbero mai. Adoro chi lo ammette, lo accetta e, alla fine, se ne vanta pure.

Ah, e poi se ti vuoi bene così come sei hai già fatto più della metà della strada...

Follementepazza ha detto...

da bambina credevo di essere magra fin quando qualcuno non mi ha detto che non lo ero più...rispondevo alle descrizioni di me sn normale, ma la normalità di per se non dice nulla...
la delusione che riesco a generare negli altri sembra quasi un potere mistico che mi è stato donato...
e spesso so essere pure una grande stronza bugiarda....
sn sicuramente sbagliata...ma se non lo fossi forse non avrei nulla da migliorare...
non si finisce mai di conoscersi...
Quando riesco cerco di fregarmene del giusto e dello sbagliato...

Ciao...ciao...

Anonimo ha detto...

anonimo è molto evidente chi sei!!!

NERO_CATRAME ha detto...

Direi che tutti questi ho capito sono già un successo,chi non è egoista per se stesso cosa ha da dare agli altri?Ovvio se rimane solo in se stessi e basta diventa un difetto.Sbagli eheheh ancora sbagli,e uqnti altri ce ne saranno ma fan parte dellla vita e se ti fermi a pensare allora fermi il presente e perdi tempo,la vita corre cerchiamo di stare al suo passo giusti o sbagliati che siamo,ma sempre noi stessi senza bastarci mai.

Veggie ha detto...

Forse perchè, in fin dei conti, noi stesse siamo tutto quello che abbiamo... e, pur piene di difetti, essi nascondono altrettanti pregi... Ci siamo state affidate... dobbiamo avere ura di noi stesse per quello che siamo... provando a cambiarci se certe cose non ci piacciono... ma con la consapevolezza che non potremo mai rivoluzionarci del tutto, e che quindi il massimo che possiamo fare è cercare di essere sincere con noi stesse e di venire a parri anche con quelli che sono gli aspetti fisici/caratteriali che ci piacciono di meno in noi...
Più o meno pronunciati, i tuoi difetti sono i difetti di tutti... Tanto per dirne una, chi non è egoista?? Io credo che l'essere umano sia fondamentalmente egoista... che questo stia alla base della sua stessa sopravvivienza...
Scava ancora dentro te stessa... raschia il fondo del barile... non smettere mai di scoprire e d'imparare qualcosa da te... Gli sbagli li facciamo proprio per darci la possibilità di correggerli...

dawoR*** ha detto...

siamo merdosi - proprio come razza in blocco,nesssuno escluso,anzi - certi riescono ad essere anche peggio del peggio :) dawoR***

Clelia ha detto...

anche io sono così...

un abbraccio Clelia

valeria ha detto...

a volte sono più 'belli' e 'veri' i difetti che tutti i pregi che si possono avere messi insieme..
te lo dice una che è sempre stata perennemente quella 'sbagliata'.
yahouuuuuuuu!

Mobu ha detto...

...

Daniel ha detto...

Beh, se la consapevolezza aiuta.. come dovrebbe.. hai raggiunto un buon traguardo.
Un saluto
Daniel

adelia ha detto...

Mi hai fatto sorridere!! Nessuna consolazione ma, dico davvero: non sei la sola!