sabato 19 aprile 2008

Ultima partita


Oggi giocherò l'ultima partita di pallavolo, dodici anni di sacrifici e passione i quali si troncheranno in poche ore.
Il mio disorientamento ed il mio dispiacere è tanto quanto vidi nel 2001 il crollo delle twin tower per televisione, è una giornata epocale, dovrei ricevere telegrammi e telefonate di cordoglio. Nei giornali e nella radio dovrebbero annunciare questa notizia straordinaria. Scherzi a parte, per me sta avvenendo un cataclisma, ma tutto tace, d'altronde oggi è una giornata qualunque in cui una ragazza qualsiasi cessa la sua carriera pallavolistica.

E' proprio vero che l'infinito non esiste, da piccoli non ci si rende conto ma quando nel trascorrere del tempo si vedono i primi cambiamenti passare con disinvoltura sotto il proprio naso, che inevitabilmente subbugliano la propria vita, è logico pensare che tutto non può essere per sempre.

La pallavolo è stata il mio primo e grande amore anche se molto spesso non corrisposto (da parte sua non mia), un amore a tutti gli effetti: ricca di momenti gioiosi, di emozioni indescrivibili, e non solo, fatto anche di dispiaceri e delusioni, insomma un sentimento a tempo determinato..
E' un amore indimenticabile, un amore dolce da ricordare, al quale si può dire solo grazie! Grazie dei bei momenti vissuti e grazie dei bellissimi insegnamenti di vita. Per essere quella che sono diventata ora è anche per merito dello sport, quindi ancora grazie infinitamente.

∞ S.J.∞

1 commento:

UIFPW08 ha detto...

Semplice è dirti amore..
nei tuoi occhi leggo la gioia dei tuoi pensieri
nulla è più bella della confusione che dimostri
che non riesci a parlarmi
i tuoi occhi parlano per te.
e senza dir nulla io così ti amo
ciò che di più bello ho ricevuto da te
è il tuo affetto...ed il tuo cuore...

Semplice è morire
semplice non è ricordare quando la pioggia che cade
è un tormento o una danza della natura o capirne il perché
semplice è morire.
semplice non mi è ricordare i tuoi occhi vivaci e il tuo sorriso prezioso
semplice non è ricordare i tuoi capelli sul viso i tuoi fianchi sinceri
il tuo seno pieno di lacrime
quanta fatica mi costa la normalità
quanto falso può essere un sorriso
quando si sente nella mani la forza di uccidersi
quando non ti avrà più
semplice e morire.
qualcuno che ti vuole bene davvero.